aprile 24, 2018 10:02 am

Dove sono finiti i miei clienti?

Se sai chi sono, puoi sapere anche dove trovarli.

dove-sono-finiti-i-miei-clienti

Quando ero ragazzo andavo in vacanza in Sicilia e uno dei miei zii faceva il pescatore. Era rinomato nel paese come il miglior pescatore di totani.

Ricordo con piacere il gusto dei totani pescati la sera prima, quando mia nonna li cucinava il giorno dopo.

Perché mio zio era così rinomato come pescatore di totani?

Sicuramente aveva una grande tecnica (io sono andato solo una volta con lui e non ho pescato nulla mentre lui e mio papà avevano fatto il pieno), ma soprattutto … sapeva dove andare (e quando andare); cambiava posto, a seconda delle condizioni del tempo e delle correnti, a seconda dell’orario, a seconda della luna (se non ricordo male, non deve esserci la luna quando si va a totani).

Lo zio sapeva esattamente dove stazionavano i totani!

Ma non è tutto: sapeva anche che esca utilizzare (una lucina su un amo veramente particolare).

Insomma, mio zio era il migliore senza dubbio e grazie a lui si mangiava bene e sano (il menù del giorno dopo di solito era: a pranzo pasta al sugo di totano a cena totano ripieno).

Mio zio, inconsapevolmente, mi ha dato le più grandi lezione di business che io abbia mai potuto apprendere come imprenditore in questi anni.

  1. Prima lezione: identifica in modo specifico che pesce vuoi pescare; i totani necessitano di una tecnica particolare di pesca che non puoi utilizzare per pescare il tonno. PRIMA scegli il pesce!
  2. Seconda lezione: conosci in modo approfondito il tuo cliente target; che abitudini ha? Per esempio, il totano (sempre se non ricordo male) nelle notti di luna piena se ne sta tranquillo a grandi profondità ed è quindi inutile andare a pescare. Che posti frequenta? Dove puoi trovare gruppi di clienti target che si riuniscono? Ricordo che mio zio mi raccontava tutti i posti in cui andavano i totani e perché, luoghi che cambiavano a seconda delle correnti e delle condizioni atmosferiche. Tu conosci dove e come si muovono i tuoi clienti target?
  3. Terza lezione: che problemi hanno i tuoi clienti? Quali sfide devono affrontare tutti i giorni? Il totano ha fame e quindi mio zio gli faceva credere che poteva risolvere il suo grande problema.
  4. Ed ecco la quarta lezione: qual è il tuo prodotto d’ingresso? Cosa attira i tuoi clienti target? I totani sono attirati dalla luce, e i tuoi clienti?
  5. Quinta lezione: una volta che li hai attirati, sai come valorizzarli al meglio? Sai come dare loro grande valore? In questo caso la lezione di business me la dava mia nonna con il miglior sugo di totani che io abbia mai mangiato nella mia vita.

Ciao Nonna, ciao Zio e grazie.

PDI

Paolo Torregrossa

Condividilo questo articolo

Può anche interessarti

Hai mai sentito parlare dell' “elevator pitch”?

Sei sull’ascensore e ti trovi davanti Warren Buffett che con un simpatico buffetto ti saluta e ti dice: “vado all’ultimo piano e voglio darti una grande opportunità: spiegami in 5 ... continua »


Come sapere se la tua azienda ha davvero un brand

E tu che tipo di azienda gestisci? Nella mia esperienza professionale -ormai ventennale- a contatto con gli imprenditori, ho potuto osservare che esistono diverse tipologie di aziende: le aziende orientate alle persone, ... continua »


Nel business più è meno e meno è più

Sono sempre stato affascinato dai documentari della National Geographics. Mi piace vedere come vivono gli animali e come la natura evolve meglio quando noi non facciamo casino. I documentari sulla vita dei ... continua »


Tag: , , , , , , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da Paolo Torregrossa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Privacy & Cookies
Show Buttons
Hide Buttons