aprile 20, 2018 10:00 am

Obiettivi smart: cosa sono e come raggiungerli

Ecco gli step per raggiungerli e come misurare i progressi.

obiettivi-smart

Una serata fra amici, si parla, si ride e qualche volta si fa anche qualche discorso più serio.

Vorrei riuscire a migliorare le mie competenze per aumentare il mio fatturato” dice uno di essi, Gianni, piccolo imprenditore.

È da un anno che cerca di farlo per fare carriera ma finora non è cambiato niente e la sua autostima ne è rimasta sconfitta.

Cosa è successo?

Quando noi fissiamo un obiettivo in modo vago, poi non riusciamo a raggiungerlo, e questo perché la nostra mente non sa dove andare: come può scegliere un percorso se non sa dove si trova la meta?

Non esiste vento favorevole per un marinaio che non sappia dove andare.

Anche se un marinaio é bravissimo, si trova su una barca splendida, vele eccezionali, scafo ottimo, ma non sa dove andare, si ritrova a girare a vuoto, magari in tondo perché non ha una meta. Se il marinaio, invece, avesse l’obiettivo di andare in uno specifico porto, costruirebbe la rotta con le coordinate esatte ed arriverebbe esattamente in quel porto.

Seguendo la stessa idea, mi chiedo: Come dovrebbe essere un obiettivo, per poter essere raggiunto?

Gli obiettivi sono S.M.A.R.T., Intelligenti, verrebbe da dire!

No, no, molto meglio.

Un obiettivo, per essere motivante, deve essere Specifico, quindi nel caso di Gianni non dire “migliorare le mie competenze” ma “voglio diventare un esperto di ………“, quello che preferisci. Questo vale sempre, bisogna essere molto concreti e chiari. Come dire voglio raggiungere la vetta del monte, oppure voglio che la mia azienda raggiunga a fine anno un fatturato di 1 milione di euro, insomma molto concreto e specifico.

Mi chiedo: “come fai a sapere di averlo raggiunto?

Per poter essere sicuro di raggiungere un obiettivo, hai bisogno di Misurare da dove partivi e dove vuoi arrivare, misuralo come vuoi ma l’importante è avere un modo per misurare quando raggiungerai l’obiettivo. “So di averlo raggiunto quando avrò in mano l’attestato di partecipazione al corso di specializzazione tenuto dal più grande esperto di marketing mondiale”. Ecco, questo è un modo per sapere che hai raggiunto l’obiettivo.

Qualcuno potrebbe dire che Gianni stava sognando, ma a dire la verità un obiettivo deve essere Ambizioso al punto giusto, vale a dire punta in alto, e deve essere anche Realizzabile, in modo da avere il giusto equilibrio di motivazione che spinge all’azione senza fare voli pindarici, rischiando di diventare demotivante.

Entro quando vuoi diventare un esperto?

“Entro il 30/06 di quest’anno, perché voglio partecipare ad un master di specializzazione poi entro il 31/12 voglio ottenere un aumento del fatturato del 10%”. Ottimo, adesso hai anche Tempificato quando raggiungere l’obiettivo. Hai tutto ciò che ti occorre per raggiungerlo.

Specifico

Misurabile

Ambizioso

Realizzabile

Tempificato

In quella serata tra amici, quando qualcuno ha fatto queste domande, l’amico Gianni è rimasto molto contento, si sentiva già l’effervescenza addosso che arriva quando senti la spinta verso qualcosa che ti piace, che vuoi davvero.

Ma non bastava, Gianni adesso che aveva ben chiaro dove voleva arrivare, era un po’ titubante su come iniziare il percorso, non sapeva da dove iniziare!

Anche un viaggio di mille miglia inizia con un piccolo primo passo” diceva Lao Tzu, allora è stato chiesto a Gianni: “per arrivare fin lì al 31/12 cosa puoi iniziare a fare ADESSO, qual è il tuo piccolo primo passo?

Gianni ci pensa un attimo e gli si illuminano gli occhi: “certo, è chiaro, preparo tutti i documenti per iscrivermi al master“.

Ottimo – rispondo- e il passo successivo?

Gianni ha un attimo di titubanza, ma dopo averci pensato mi dice “domani vado a comprare 4 libri che avevo in mente di leggere sull’argomento così inizio a pensare a nuove forme di promozione che condividerò con i miei collaboratori e con il grafico, perché in questo modo voglio investire anche sulla visibilità dell’azienda“.

Benissimo e dopo questo c’è un passo successivo?

Predispongo un piano di marketing che punta sull’immagine, poi voglio andare a proporre i miei servizi in modo diverso”.

Passano 3 mesi, il gruppo di amici si ritrova e tutti sono curiosi di sapere come sta andando il progetto di Gianni.

Ho letto i libri, mi sono iscritto al master ed ho seguito le prime lezioni, adesso sto iniziando ad applicare le prime nozioni acquisite e sto verificando, attraverso dei feedback, quanti potenziali clienti stiamo raggiungendo, finora abbiamo aumentato del 30% la loro risposta positiva”.

Il modo più utile per sapere se stai andando verso il tuo obiettivo è quello di monitorare i sub-obiettivi che avevi individuato, perché a volte potrebbe quasi spaventare il grande obiettivo che hai prefissato, molto meglio trovare dei sub-obiettivi, dei piccoli steps da raggiungere e tenere sotto controllo, così sai sempre se la rotta è corretta, proprio come fa il capitano della nave.

Capitano, oh Capitano… sei pronto per partire verso il tuo porto?

Scrivi il tuo obiettivo, verifica che sia S.M.A.R.T.  e poi definisci i passi da fare, i sub-obiettivi, monitora periodicamente se ti stai muovendo verso la tua meta.

Adesso hai uno strumento da utilizzare subito. Provalo e facci sapere i risultati.

Sara Chen

Condividilo questo articolo

Può anche interessarti

Schemi mentali e atteggiamenti determinano la nostra vita

A chi non è mai capitato di vedere una persona col camice bianco e con uno stetoscopio intorno al collo e di sapere con certezza che sono sicuramente dei medici, ... continua »


Come riconquistare il benessere

Immagina per un attimo che come per incanto le tue giornate faticose, caotiche in una parole stressanti svanissero con un colpo di spugna! Sono ormai un ricordo lontano quelle sensazioni di ... continua »


Pensieri e parole di un imprenditore

Hai mai fatto caso cosa succede quando parli con te stesso? Tutti noi abbiamo un dialogo interno, tendiamo a porci domande, a darci risposte, a fare commenti, abbiamo una vocina, ... continua »


Tag: , , , , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da Sara Chen

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Privacy & Cookies
Show Buttons
Hide Buttons